At 30,000 feet for travelers

Scopri Kiev, sede della finale della Champions 2018

Il prossimo 26 maggio Kiev ospiterà la finale della Champions. È la prima volta che si svolge in Ucraina e la seconda in un paese dell'est dopo la finale di Mosca del 2008.

L'Ucraina è un paese lontano dai principali punti di attrazione turistica e anche poco conosciuto, motivo per cui questo evento potrà servire ad avvicinarci un po' di più alla sua storia e a scoprire i punti di maggiore interesse della sua capitale... che sono tanti. Ti proponiamo di trascorrere un fine settimana a Kiev all'insegna di monumenti, mercati, chiese e, naturalmente, calcio.

Cominciamo proprio dalla palla. Viaggiamo nel tempo fino al 1942, durante la seconda guerra mondiale. Forse avrai sentito parlare della "partita della morte", una partita di calcio in cui un gruppo di prigionieri ucraini affrontò i soldati tedeschi. Narra la leggenda che gli ucraini ebbero la meglio nonostante le minacce subite più volte durante la partita. Secondo la versione ufficiale, tempo dopo la maggior parte di quei calciatori ucraini morì nei campi di concentramento come castigo per tale atto di disobbedienza. Che sia vero o meno (oggi alcune voci sollevano dei dubbi su come si svolsero i fatti), questa partita, che ispirò il film Fuga per la vittoria, è un simbolo della resistenza in Ucraina ed è ricordata da un monumento eretto nella capitale vicino all'antico Zenit Stadium.

E adesso indossiamo i panni da turista. Al centro di Kiev, a sinistra del fiume Dnepr, si trova la zona monumentale. Qui potrai scegliere quale edificio religioso inserire nel tuo tour: il monastero delle grotte, la chiesa di Saint Andrews, la cattedrale di Santa Sofia e il monastero di San Michele dalle cupole dorate sono tutti in stile bizantino. Se la scelta toccasse a noi, opteremmo per un'autentica icona cittadina, la Cattedrale di Santa Sofia, chiamata così per consolidare l'immagine di "nuova Costantinopoli" di Kiev, appellativo con cui era conosciuta dieci secoli fa.

La piazza più importante (potremmo dire del paese) è Piazza dell'Indipendenza (Maidan in ucraino), luogo emblematico e simbolo della storia ucraina. Fu epicentro delle manifestazioni della rivoluzione arancione del 2004 e di quelle europeiste del 2013, le ultime vissute dal paese. Da questa piazza si arriva in via Khreschatyk, il viale principale di Kiev, luogo imprescindibile se vuoi fare shopping, mangiare in ristoranti rinomati e passeggiare nella zona commerciale della capitale ucraina.

Se sei un palato inquieto e preferisci andare alla ricerca di sapori diversi, visita il mercato Besarabsky Rynok, non molto lontano da via Khreschatyk. Gli ucraini sono detti "gli italiani dell'Europa dell'est" per quanto a cibo si riferisce e in questo rumoroso mercato ne avrai una conferma. Metti alla prova il tuo appetito: formaggi, borsch (zuppa di un colore rosso intenso a base di barbabietole), caviale e vodka naturalmente, non a caso ti trovi in un paese dell'est.

Molto vicino alla cattedrale si trova il pittoresco arco dell'amicizia. Come il suo nome indica, si tratta di un grande arco con luci al neon che simboleggia l'unione dei popoli. Questa costruzione così kitsch, situata sulla cima di un monte, è uno degli elementi più riconoscibili dello skyline della capitale ucraina e dalla sua posizione è possibile godere di una magnifica veduta sulla città.

A sudovest si trova lo stadio dove si giocherà la finale, il cosiddetto Stadio Olimpico di Kiev. Ristrutturato per ospitare l'Eurocoppa 2012, lo stadio è uno dei punti storici della città, non a caso i suoi continui cambiamenti di nome e le ristrutturazioni sono stati il riflesso dei cambiamenti del paese nel corso dell'ultimo secolo. Questo imponente stadio chiuderà la stagione calcistica 2017/2018, settimane prima dell'inizio dei Mondiali di calcio che si terranno nel paese vicino, la Russia.

Più letti

7 destinazioni per chi viaggia da solo

Viaggi con amici, in coppia, in famiglia... sì, lo sappiamo che c…

+ info

I teatri più famosi d'Europa

Ti piacerebbe vivere una notte all'opera? No, non stiamo parlando…

+ info

I 4 musei più curiosi d'Europa

Il 18 maggio si celebra la Giornata Internazionale dei Musei, in …

+ info