At 30,000 feet for travelers

Viaggiare Zero Waste si può e noi ti diciamo come

Yve Ramírez, anche nota come La Ecocosmopolita, autrice del libro “Vida residuo cero” e fondatrice dello store online "Usar y Reusar", ci spiega come è possibile viaggiare Zero Waste, ovvero in modo più sostenibile e senza generare residui. E non è poi così difficile!

“Quando viaggiamo siamo ospiti nel luogo di destinazione e dobbiamo comportarci meglio di quando siamo a casa nostra". Questa frase dell'Ecocosmopolita mi ha fatto innamorare e credo che sintetizzi molto bene le ragioni per cui sia necessario viaggiare secondo i principi della filosofia Zero Waste. È vero che quando andiamo in vacanza vogliamo rilassarci e vivere senza regole, ma basta un minimo di organizzazione perché il nostro viaggio sia molto più sostenibile. Qui ti spieghiamo come fare per darti qualche idea.

Continua a leggere se...

… ti piace viaggiare: sicuramente troverai queste informazioni di tuo interesse. Oggi nessuno resta più indifferente di fronte al grave problema dei rifiuti e del loro impatto sulla natura. “In quanto consumatori, siamo parte del problema e possiamo essere parte della soluzione” sostiene La Ecocosmopolita.

La check-list della Ecocosmopolita per viaggiare in modo più sostenibile.

  • Non è necessario stampare le prenotazioni. Se ti sposti in aereo, fai il check-in online e viaggia con la carta d'imbarco su cellulare. In hotel sicuramente non avrai bisogno d'altro che dei dati della prenotazione e del documento di identità.
  • Usa una guida in formato digitale. Evita di acquistare una guida cartacea che sicuramente non riutilizzerai e che per di più dovrai portarti dietro durante tutto il viaggio!
  • Ignora i set di cortesia dell'hotel. In viaggio utilizza i tuoi prodotti per l'igiene personale. Puoi portare shampoo, sapone e altri prodotti in formato solido, leggeri da trasportare e più sostenibili.
  • Porta sempre bottiglie riutilizzabili! In questo modo non sarai costretto ad acquistare acqua in bottiglia. Inoltre, sono sempre più numerosi gli aeroporti che dispongono di fontanelle con acqua potabile, quindi, se viaggi in aereo, potrai riempire la bottiglia dopo essere passato dal controllo di sicurezza.
  • E se devi comprare una bottiglia d'acqua, che sia grande se possibile! Potrebbe accadere che l'acqua nella località di destinazione non sia di buona qualità. In questo caso, comprane una tanica da lasciare nel posto in cui alloggi per andare riempiendo le bottiglie riutilizzabili giorno per giorno.
  • Metti in valigia sacchetti di stoffa. Grandi per fare la spesa e piccoli per poter acquistare pane, pasta, frutta fresca o secca, ortaggi… senza generare residui.
  • Porta contenitori riutilizzabili, posate, piatti da picnic... In questo modo potrai comprare cibo da asporto o prodotti freschi senza plastica.
  • Informati prima sui negozi dove poter acquistare prodotti sfusi lungo il tuo itinerario. Potresti restarne molto sorpreso! I mercati locali e i negozi tradizionali sono un paradiso per questo tipo di acquisti. Scopri quelli più vicini, informati sugli orari e approfittane. E se non hai l'abitudine di farlo, qui troverai tutte le risposte per acquistare prodotti sfusi.
  • Se non puoi evitare i prodotti confezionati, almeno evita la plastica. Sono preferibili i prodotti contenuti in vetro, lattina, carta o cartone.
  • Evita anche di frequentare i fast food. Generalmente servono le pietanze in contenitori usa e getta. E così eviterai anche di mangiare cibo spazzatura!
  • Ordina da bere, ma senza cannuccia (salvo che tu ne abbia bisogno per problemi di salute). Non ha senso sprecare plastica per pochi minuti di uso, soprattutto perché al pianeta serviranno decenni o secoli per smaltirla.
  • Informati sui sistemi di raccolta della spazzatura nella località di destinazione. In questo modo potrai separare in modo rigoroso tutti i residui prodotti perché possano essere riciclati correttamente.

E soprattutto…

Evita non solo la plastica usa e getta, ma qualsiasi prodotto usa e getta: cannucce, bicchieri, piatti, posate... I sacchetti usa e getta, soprattutto se sono di plastica, e le bevande imbottigliate in contenitori di plastica. Può sembrare un'impresa ardua, ma tutto sta ad avere le giuste alternative a portata di mano.

Un ultimo consiglio?

Ogni volta che devi acquistare qualcosa durante il tuo viaggio, chiediti se ti serve davvero, se ha un'origine sostenibile e quale sarà il suo impatto sull'ambiente quando smetterai di farne uso. Contribuisce a un pianeta più equo e salutare? Stai acquistando direttamente da un artigiano del posto? Allora è un souvenir fantastico!

E se non ti è bastato…

Se visiti uno spazio naturale e trovi rifiuti lungo il cammino, puoi sempre dedicare un po' del tuo tempo a lasciarlo in condizioni migliori di quelle in cui l'hai trovato. La sfida #5Minutesbeachcleanup chiede solo questo: 5 minuti per raccogliere i rifiuti che trovi lungo il cammino. Se ti sembra troppo, prendi 3 (#prendi3) rifiuti e assicurati che finiscano nel posto giusto. E se vuoi, puoi anche partecipare al #trashchallenge: scatta una fotografia a uno spazio pieno di rifiuti, ripuliscilo e scatta una nuova foto per mostrare com'è cambiato e invogliare gli altri a fare lo stesso.

Più letti

Tutto quello che devi sapere per viaggiare con una…

Se quando viaggi in aereo ti chiedi sempre come fare con la carro…

+ info

Le città più "veg-friendly"

La filosofia "veggie" oggi è più di moda che mai e per questo son…

+ info

Consigli per affrontare la Maratona di Parigi

La Maratona di Parigi, che il prossimo 8 aprile giunge alla sua 4…

+ info